Come fare il seitan in casa, dalla farina

 

Il seitan è stato “inventato” dai monaci buddisti cinesi e giapponesi vegetariani e viene utilizzato da secoli. Deriva dalla semplice farina ed è costituito dalle proteine del grano, da cui, per ottenerlo, vanno però tolti gli amidi. Come fare?

Prendete 1 kg della farina che preferite e unite una quantità d’acqua tale da formare una palla abbastanza morbida, che però non si attacchi alle dita. Tenete conto che

come fare il seitan 2

Mettete la palla su una spianatoia (il tavolo) infarinata e lavoratela per 10, 15 minuti, in modo che diventi perfettamente omogenea.

Ora prendete la palla e mettetela in una ciotola, ricoprendola di acqua fredda.

come fare il seitan 3

Lasciatela in acqua da 1 ora a 8 ore,

SDempre in acqua,  cominciate a lavorarla con le mani, spremendo, aprendo, rimpastando, continuando a cambiare l’acqua quando diventa bianca. Il colore bianco è provocato dal rilascio degli amidi.

come fare il seitan 4

 

Quando l’acqua non diventerà più bianca, ma rimarrà trasparente (da 10 ai 20 minuti), allora il seitan è pronto per essere cotto.

Ricordatevi di spremerlo bene a fine lavorazione, ad esempio mettendono in un colino e spingendo forte, in modo che esca l’acqua residua. Questro è l’aspettoi che piuù o meno ha prima della “spremitura finale”

come fare il setitan 5

Abbiamo già dato indicazioni in un precedente post su come cuocerlo e insaporirlo.

Daremo ulteriori indicazioni sui vari tipi di cottura che permettono di ottenere consistenze diverse.

Ricordiamo che prima della cottura può essere marinato e durante la cottura si possono usare verdure ed erbe, oppure soia o salsa worchester vegana per insaporire.

Il seitan non può essere usato dai celiaci perchè è glutine.

Il seitan, prezioso nell’alimentrazione vegana, non contiene vitamina B12 (poche cose a livello vegetale la contengono!) e contiene alcuni tipi di proteine, ma non altre. Per questo motivo va ovviamente integrato con altri tipi di alimentazione.