Ma il vino è sempre vegano?

 

Il vino è fatto con l’uva. E fin qui ci siamo. Nello specifico si tratta di una fermentazione del succo d’uva. Il lievito (se usato)  converte gli zuccheri in alcool. Così, a prima vista, tutto il procedimento è vegano.

La ragione per cui il vino può non essere vegano e neppure vegetariano ha a che fare con il metodo con cui il viene viene chiarificato. Tutti i vini giovani sono torbidi e contengono molecole quali proteine, tartaro, tannini e fenoli. Sono tutti prodotti naturali e per nulla pericolosi. Tuttavia i bevitori di vino lo preferiscono limpido e brillante.

La maggior parte dei vini, se lasciati invecchiare per un periodo sufficiente, si auto-stabilizzano e auto-chiarificano. Tuttavia i produttori usano solitamente una grande varietà di agenti per la chiarificazione, in modo da aiutare questo processo. Gli agenti di chiarificazione aiutano a far precipitare le molecole che provocano l’intorbidimento. Essenzialmente gli agenti per la chiarificazione si comportano come magneti, attraendo queste molecole indesiderate intorno a loro. Le molecole coagulano intorno agli agenti di chiarificazione, creando particelle più grandi che possono essere facilmente rimosse.

Gli agenti per la chiarificazione usati più comunemente sono la caseina (proteina del latte), l’albumina (bianco d’uovo), la gelatina (proteina animale), la colla di pesce (proteina derivata dal pesce). Non si tratta di additivi del vino, perché precipitano insieme alle molecole che provocano l’intorbidimento e vengono successivamente ripulite dal vino.

Chiarificare con la caseina e l’albumina è solitamente accettato dai vegetariani, ma tutti e quattro questi procedimenti sono off-limits per i vegani poiché piccole tracce di questi agenti per la chiarificazione possono rimanere nel vino anche finito ilo procedimento di chiarificazione.

Una nuova direzione

Buone notizie! Oggi molti produttori di vino usano agenti di chiarificazione basati sull’argilla, come la bentonite che è particolarmente efficiente nell’eliminazione di proteine non desiderate. Un altro agente di chiarificazione accettato da vegetariani e vegani è il carbone attivo, anch’esso molto utilizzato.

Inoltre, il muoversi verso metodi di produzione del vino più naturali, permettendo alla natura di fare il suo corso (più tempo per la produzione del vino), significa vini più vegan e vegetarian friendly. Un numero sempre crescente di produttori di vino al mondo preferisce non filtrare o chiarificare il vino lasciando che si auto-chiarifichi e auto-stabilizzi. Solitamente questi vini indicano sull’etichetta che non sono stati filtrati o chiarificati.

Purtroppo le etichette solitamente non indicano altro, per cui, salvo che il produttore non lo specifichi, nessuno può sapere in che modo siano stati chiarificati o filtrati e quale agente per la chiarificazione sia stato utilizzato.